aamp

Recupero del monastero di S. Antonio (EX E.C.A.) da adibire a centro diurno polivalente per attivita' socio-culturali a Termini Imerese
giugno 1994



INCARICO DI PROGETTAZIONE E DIREZIONE DEI LAVORI

Progettisti incaricati: ing. Stefano Lo Re, arch. Oreste Marrone
Impiantisti: Ing. Giovanni Cascio
Committente: Amministrazione comunale di Termini Imerese
Importo delle opere: ca. 600.000 euro

Il progetto esecutivo è stato redatto conformemente agli standards strutturali ed organizzativi dei servizi e degli interventi socio-assistenziali individuati dalla L.r. n.22 del 9 maggio 1986 per i centri diurni di assistenza ed incontro per minori, inabili ed anziani. Il nuovo centro occuperà sia il piano terra che il piano elevato del vecchio complesso e inoltre avrà a disposizione una Sala per conferenze, di nuova costruzione, demolendo un corpo fatiscente, di recente realizzazione attiguo al Monastero. Le gallerie attorno al chiostro, e questo stesso, costituiscono non solo il connettivo dell'intera struttura ricettiva, ma anche un vero e proprio spazio di relazione che può essere attrezzato per manifestazioni culturali. La metodologia di intervento, in massima parte, è stata quella della "manutenzione" e cioè quella della conservazione: normali opere di manutenzione e riparazione dei guasti accidentali della macchina muraria, senza modificare il quadro prestazionale originario. In taluni casi, tuttavia, si è dovuto procedere nella direzione della "riqualificazione"; ci si è posti nell'ottica di progettare interventi più complessi volti a migliorare le prestazioni preesistenti anche a costo di modificare la macchina strutturale originaria.